10 motivi per cui la vita all’aria aperta deve essere la nostra priorità

donna_natura

Gli spazi verdi e la natura portano grandi benefici alla nostra salute. Se andiamo a esaminare diverse ricerche scientifiche non possiamo che trarre una conclusione: chi passa parte del suo tempo in mezzo alla natura ha una vita più lunga e felice rispetto a chi non lo fa. Basti solo pensare che anche osservare la natura ci fa sentire più in sintonia con il mondo

>>Leggi anche: 5 luoghi per passeggiare e andare in bici nella natura in Lombardia

Quali sono i principali effetti benefici della vita all’aria aperta?

Gli spazi ricchi di alberi, i fiumi, i laghi, piante e fiori migliorano il rendimento cerebrale. Uno studio dell’Università del Michigan ha sottoposto alcuni soggetti, divisi in due gruppi, ad un breve test di memoria, quindi il primo gruppo ha fatto una passeggiata in una zona boscosa, mentre il secondo lungo una strada cittadina. Quando tutti si sono sottoposti nuovamente al test di memoria, quelli che avevano passeggiato nella natura hanno migliorato del 20% i propri risultati, mentre i “cittadini” non hanno mostrato nessun cambiamento. Ora andiamo a scoprire quali sono i 6 maggiori benefici del contatto con il mondo outdoor.

>>Leggi anche: Ecco perchè un week end all’aria aperta aggiusta il nostro orologio biologico e sconfigge l’insonnia

 

1. Stare nella natura migliora la qualità della vita

Stare all’aperto cambia radicalmente l’espressione fisica dello stress nel nostro corpo. Uno studio ha mostrato come le persone che avevano passato due notti in un bosco presentavano livelli molto bassi di cortisolo, l’ormone dello stress, rispetto a chi ha passato lo stesso tempo in una realtà cittadina. E’ stata poi rilevata diminuzione della frequenza cardiaca e di livelli di cortisolo in persone che trascorrono più tempo a contatto con la natura, così come è evidente il minor livello di stress e maggiore soddisfazione nel lavoro nelle persone che pur lavorando in ufficio hanno modo di vedere aree verdi dalla finestra.

>>Leggi anche: Le 4 chiavi essenziali per essere felici

aria_aperta_00

2. La natura è il più potente degli antistress

L’Organizzazione Mondiale della Sanità conferma che il vivere il più vicino agli spazi aperti e alla natura migliora la nostra salute e mitiga gli effetti dell’inquinamento, del cambio climatico e della distruzione della biodiversità. Inoltre, secondo l’Istituto per la Politica Ambientale Europea, la natura riduce i livelli di stress e può avere effetti positivi sul benessere fisico e mentale, come ad esempio nella capacità di concentrazione e nell’umore.

>>Leggi anche: I migliori sport contro lo stress

3. La natura funziona come un un grande antidepressivo

Rimanere all’aria aperta combinando questa situazione anche con esercisio fisico combatte la depressione e gli stati d’ansia. I medici ritengono che passeggiate in mezzo alla natura possono essere “clinicamente utili come supplemento ad un trattamento medico esistente” in casi di forte depressione. Anche la presenza di acqua (fiumi, ruscelli, laghi e cascate) dal grande effetto rilassante ha un effetto positivo su persone che soffrono d’ansia.

>>Leggi anche: Lo Yoga è una vera medicina per combattere la depressione

aria_aperta_01

4. Vivere all’aria aperta allunga la vita

Alcuni ricercatori della Scuola di Salute Pubblica di Harvard hanno concluso che le donne che vivono in aree più verdi hanno un tasso di mortalità inferiore del 12% rispetto a quelle che vivono in un centro con poco verde. Si tratta di una ricerca pubblicata nel 2016 e che ha coinvolto 108.000 donne statunitensi nel periodo tra il 2000 e il 2008 per analizzare i fattori di rischio associati alle principali malattie croniche e tra le variabili veniva presa in esame la presenza di aree verdi vicino alle loro case.  La vicinanza ad aree con vegetazione ha evidenziato una diminuzione del tasso di mortalità per malattie renali del 41%, un 34% nel caso di malattie respiratorie e il 13% nei casi di cancro. A tutto questo va aggiunto che una vita più all’insegna della natura migliora la salute mentale, offre maggiori opportunità di impegno sociale, fa fare più attività fisica e provoca minore ‘esposizione’ all’inquinamento.

>>Leggi anche: Quale attività sportiva allunga più la vita?

5. Stare nella natura protegge la vista

Nei bambini che stanno molto all’aria aperta si abbassa il rischio di sviluppare malattie legate alla vista come la miopia. Incrementare il tempo dedicato a vivere a contatto con la natura oltre a sviluppare meno i problemi di miopia, pare che contribuisca anche a fermarne la progressione. Uno studio ha provato inoltre che attività all’aria aperta durante l’orario scolastico riduce i problemi di vista e per provare questo due classi dove i livelli di miopia tra gli studenti erano identici sono state osservate. Un gruppo che svolgeva e promuoveva uscite dalla classe all’aria aperta, dopo un anno, ha mostrato un aumento del taso di miopia dell’8,41%, mentre in quello che ha condotto attività all’interno il tasso è arrivato al 17,65%.

>>Leggi anche: La nostra vista perggiora se stiamo troppo al chiuso. Meglio uscire, fin da bambini

aria_aperta_03

6. Migliora la concentrazione

L’ambiente naturale possiede un potente effetto di ‘recupero’ e uno dei tanti benefici che portano le lunghe passeggiate nella natura è quello di recuperare la capacità di concentrarsi. Anche in questo per verificare quanto affermato i ricercatori hanno sottoposto dei gruppi ad un test e le persone che hanno fatto una passeggiata nel bosco sono stati trovati più concentrati rispetto a chi ha scelto la passeggiata in città.

>>Leggi anche: NIA Fitness: un mix tra yoga, arti marziali e danza per il benessere fisico e mentale

7. La natura esalta i sensi

Stare a contatto con la natura, non solo porta benefici al nostro stato di forma, ma aiuta a migliorare i nostri sensi e la nostra capacità cognitiva. Poter cogliere non solo con lo sguardo, ma anche con l’odorato e il tatto tutto ciò che circonda. Sensazioni uniche che spesso pensiamo di avere perso o dimenticato.

>>Leggi anche: L’escursione multisensoriale è la nuova frontiera dell’outdoor?

creatività

8. La natura ci fa essere più creativi

Il contatto con un paesaggio naturale come una foresta, ma anche una spiaggia incontaminata, ci consente di ricevere una serie di stimoli sensoriali e visivi che aumentano la nostra creatività e la nostra operosità. Trascorrere una giornata in mezzo alla natura è provato che incrementi del 50% le nostre capacità di pensare e di fare.

>>Leggi anche: Camminare nella natura fa bene anche alla mente

9. Aiuta ad essere più riflessivi

Meditare immersi nel verde favorisce la capacità di guardarsi dentro, di apprezzare il silenzio che ci circonda e di avvertire il contatto con gli elementi naturali. È davvero un’esperienza magnifica da sperimentare e anche pochi minuti ci rendono più riflessivi e sereni.

>>Leggi anche: Perchè stare nella natura ci fa capire meglio le emozioni

aria_aperta_000

10. Migliora la qualità del nostro sonno

Se si ha la possibilità di trascorrere qualche giorno immersi in un habitat verde e naturale, il nostro orologio biologico non potrà che beneficiarne. Il nostro organismo, anche se ce ne siamo dimenticati è abituato a regolarsi ‘ascoltando’ i ritmi della natura e trascorre tempo a contatto con un ambiente incontaminato aiuta a regolare le funzioni ormonali e a regolare il nostro orologio interiore che detta i tempi della veglia e del sonno.

>>Leggi anche: I più dormiglioni del pianeta? Gli olandesi

 

[photo credits: pixabay.com; thebabereport.com]

©RIPRODUZIONE RISERVATA

>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *